1
Regola n°1: non acquistare online. Regola n°2: non devi mai acquistare online (II Parte)
2
Come usare LinkedIn per il networking e crearsi nuove opportunità di lavoro. Consigli pratici per inesperti e confusi
3
Come rendere Facebook uno strumento utile: guida pratica per gli scettici del social

Tag - Guida pratica

Regola n°1: non acquistare online. Regola n°2: non devi mai acquistare online (II Parte)

Dunque, riprendiamo da dove ci eravamo lasciati. Nella prima parte di questo articolo, ho analizzato il primo degli assiomi del neoluddismo: l’e-commerce sta uccidendo il commercio tradizionale. Ho provato ad assumere il punto di vista chi vede nel web e nell’e-commerce il male assoluto, sostanzialmente perché lo teme, ma niente. Il risultato è che sono ancora più convinta che gli acquisti online, abbiano sì dato il colpo di grazia a un certo modello di commercio tradizionale, ma questo modello era già[…]

Continua a leggere

Come usare LinkedIn per il networking e crearsi nuove opportunità di lavoro. Consigli pratici per inesperti e confusi

LinkedIn non è un ufficio di collocamento online o un sito di ricerca lavoro. È “la più grande rete professionale al mondo”. Nasce per mettere in contatto persone con interessi professionali comuni, costruire una rete professionale , fare networking. Sì lo so, neanche a me piacciono gli inglesismi, ma networking è decisamente più immediato di “creare una rete professionale con cui scambiare opinioni, condividere esperienze, interessi, creare e scambiare valore“. Quindi, per amore di sintesi, mi tolgo dalla faccia questa espressione di fastidio e vado[…]

Continua a leggere

Come rendere Facebook uno strumento utile: guida pratica per gli scettici del social

Facebook e gli altri social network sono senza dubbio la tecnologia di questo millennio, per innovazione e diffusione. Eppure tanti non Millennial, e persino qualche Millennial, sono scettici nei confronti di questa tecnologia. Per lo più temono l’invadenza di certe persone o di perdere la loro privacy o di essere sepolti di notizie e post di scarso interesse. Alcuni di questi utenti anti-social sono anche iscritti a uno o due social network, ma finiscono spesso per abbandonarli. E il più delle[…]

Continua a leggere